Magazine

Cartongesso dalla A alla Z.

Lug 18, 2016 | I consigli di Tiziano

A. Innanzitutto, ci tengo a fare una breve premessa: ad oggi sarebbe assurdo perseverare con le tecniche tradizionali di costruzione; i sistemi a secco sono in continua evoluzione e i prodotti sul mercato sono sempre più performanti.
Posso dire che, personalmente, li ritengo la risposta concreta alle moderne esigenze architettoniche, perché coniugano la semplice e veloce installazione con la resistenza meccanica, la capacità di carico e l’isolamento termoacustico.
Quindi COMPLIMENTI per aver deciso di procedere con il sempre più sorprendente CARTONGESSO!

B. La posa in opera richiede una buona manualità, ma con un po’ di concentrazione TUTTI possono realizzare la propria parete in modalità FAI-DA-TE. Non voglio dirti che sarà un gioco da ragazzi, ma se seguirai i miei consigli eviterai i comuni errori e otterrai un risultato professionale.

C. Iniziamo con gli STRUMENTI di cui avrai bisogno, un vero e proprio KIT di BASE per cartongesso:
-cutter semi-professionale a guida lama in acciaio (lama 22 mm)
-pialletto professionale in metallo
-cesoia taglio dritto doppia leva
-flessometro TAJIMA altissima qualità (5m)
-tasca da posatore
Lo trovi qui: KITCART1
-viti autofilettanti fosfatate nere 3,5X25 mm
-cutter in ABS gommato autobloccante
-guanti SENSITIVE con palmo in gomma
-doppio metro in legno
Lo trovi qui: KITCART2
-americana H110173010
-spatola H6123203

D. Inoltre non potranno mancare i seguenti ACCESSORI, che fanno parte del KIT PROFESSIONALE AKIFIX:
– rete adesiva coprigiunto in fibra di vetro A4.6RT
– nastro specifico MONO/BIADESIVO A4.6GBADIG5
– livella a bolla H2NSM19011
– Kit FAI-DA-TE avvitatore trapano a percussione e lampada LED L3DK1485X1
– vite autoperforante “TEKS” zincata bianca testa larga / piatta. Lunghezza 13mm. A6.2VT42TP
– tasselli ad espansione o battuta A6.2NF05030VT

E. Proseguiamo con i MATERIALI:
– lastre di cartongesso, in commercio ci sono diverse tipologie di cartongesso: ad alta flessibilità per pareti curve, antifuoco, fonoassorbente, ad alta resistenza all’umidità, o al vapore acqueo, residenziali (finitura extra-bianca e alta resistenza ai carichi). Scegli quella che meglio risponde alle tue esigenze.
– profilati in lamierino zincato su ordinazione, contattaci via CHAT!
– stucco per giunti A4.10FAST1205
– stucco in pasta per cartongesso pronto all’uso V7.1STUCCOPST5

F. Ipotizziamo di voler suddividere un ambiente con una PARETE DIVISORIA dritta e removibile.

G. Sei pronto per realizzare la STRUTTURA PORTANTE in metallo.
La struttura è composta da guide a “U”, da posizionare a pavimento e soffitto, e montanti a “C”, da inserire verticalmente nelle guide, con interasse di 60cm. Fissa la guida a terra con il NASTRO MONO/BIADESIVO A4.6GBADIG5 (per non compromettere la pavimentazione esistente) e al soffitto con i TASSELLI AD ESPANSIONE A6.2NF05030VTL.

H. N.B.: per migliorare l’isolamento termo-acustico utilizza tasselli di plastica/antivibranti e biadesivo isolante su ordinazione contattaci via CHAT! per desolidarizzare ogni guida.

I. Verifica, con una livella a bolla H2NSM19011, che i montanti siano verticali e solo allora fissali. Il primo e l’ultimo montante devono essere fissati alle pareti laterali con tasselli in 4 punti, a pavimento e a soffitto (uno deve essere fissato alla base della struttura).

L. Considera che la direzione di posa delle lastre dovrà seguire il verso del lato “aperto” del profilo, perché il montante non sia soggetto a torsione in fase di avvitamento delle lastre.

M. Ora è il momento di applicare il pannello di cartongesso. Fissa la prima lastra in cartongesso al telaio con viti autofilettanti e trapano avvitatore L3DK1485X1. La distanza tra le viti dev’essere di 25cm una dall’altra, 1 cm dal bordo della lastra stessa e a 10 cm da terra e dal soffitto.

N. Se non stai utilizzando pannelli accoppiati (che integrano il materiale isolante), è il momento giusto per disporre eventuali isolanti acustici o termici nell’intercapedine.

O. Seguendo le stesse accortezze descritte precedentemente, fissa la prima lastra di cartongesso dalla parte opposta della parete divisoria. L’eventuale materiale isolante deve rimanere nell’intercapedine.

P. Intervallando le viti di 25cm, fissa l’ultima lastra di cartongesso di ogni lato della parete divisoria.

Q. Tutte le lastre le applicherai a GIUNTI SFALSATI.

R. Per la finitura dei giunti, applica sulle giunzioni una striscia di rete autoadesiva A4.6RT.

S. Ora, sopra alla striscia di rete/nastro adesivo e sulla testa delle viti, applica con una spatola H6123203 una piccola quantità di stucco in pasta per giunti A4.10FAST1205. Stendilo con cura.

T. Livella il tutto con l’utilizzo di un’americana H110173010, aggiungendo stucco secondo la necessità, poco alla volta.

U. Lascia asciugare e in un secondo momento rasa le piccole imperfezioni ancora una volta utilizzando l’americana H110173010.

V. Procedi con la rasatura dell’intera parete con lo stucco in pasta per cartongesso pronto all’uso V7.1STUCCOPST5.

Z. COMPLIMENTI! Hai appena realizzato da solo la tua prima parete con i sistemi a secco.

ottieni maggiori info per il tuo intervento!

Scrivici, saremo lieti di aiutarti.

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscrivi alla nostra newsletter per ricevere le ultime novità e gli aggiornamenti dal Gruppo Iezzi.

Grazie per esserti iscritto

Pin It on Pinterest

Share This